Month: ottobre 2017

“Il fumetto non è letteratura, è un’arte in cui è essenziale l’immagine”

fumetto
Un folto gruppo di scrittori, americani, francesi e spagnoli riflettere sulla scrittura di fumetti da Avilés.

Bande dessinées.

 

Fumetti. Fumetos. Graphic novel. La si chiami come si chiami, tutti descrivono la stessa cosa: la narrazione in vignette. E che cos’è un proiettile? Una vetrata di uno spazio e un tempo che il lettore possa completare il proprio tempo. Questa vetrata è composta da due aspetti, la sceneggiatura e le opere d’arte. Ma la sceneggiatura di un fumetto non è solo la scrittura della storia, ma la disposizione e la relazione tra queste finestre di uno spazio e di un tempo particolare.

bande dessinees
Quali sono gli ingranaggi che girano una linea di storia in un libro a fumetti conversavano una tabella di grandi dimensioni, la scorsa settimana nel XXII Jornadas del Fumetto de Avilés. Larry Hama, come rappresentante dell’industria degli Stati uniti, Matz e Morvan, scrittori del proiettile francese, e José Manuel Robledo e Antonio Altarriba dal fumetto spagnolo. L’obiettivo, per descrivere la sua arte, che, come non potrebbe essere altrimenti, assume sfumature molto personale.

Larry Hama, che ha firmato 155 trattini consecutivi di G. I. Joe per la Marvel, descritto con umorismo da quello che è diventato uno sceneggiatore. Era una questione più mondano, arrivare alla fine del mese: “Come fumettista, negli anni 70, ho guadagnato i 23 dollari per pagina. E tanto è stato fatto una pagina al giorno. Ho imparato che gli scrittori sono stati pagati $ 50 per pagina. Così ho trascorso 10 anni, chiedendo loro di DC e Marvel per farmi scrivere. Alla fine, mi è stato offerto “G. I. Joe”, perché tutti gli altri scrittori del settore, aveva rifiutato di scrivere”.Una delle chiavi che definiscono il tipo di narratore che è nel processo di lavoro. Non è detto che, in generale, ci sono due tipi di scrittori: di bussola e mappa. E che cosa si intende con questo è che la bussola non sa dove andare, non andare avanti della trama e la mappa si intende tutto ciò che, prima, e poi scrivere.

Giornali con fumetti

giormali

In questa tabella abbiamo visto esempi di entrambe le metodologie. Hama, per esempio, ha sempre lavorato con la bussola. “Non so se compartiréis con me la sgradevole sensazione di iniziare a guardare un film o leggere un fumetto e sapere entro un paio di pagine e minuti come questo sta per finire. Che è qualcosa che ho sempre voluto evitare. Il mio metodo è quello di non sapere cosa sta per accadere. Nei fumetti dei G. I. Joe non aveva mai fatto per questo motivo, perché né io, né l’editore, né chiunque altro sapeva come continuava la storia.”

Ma ci sono altri scrittori che hanno un particolare metodo. Robledo, che è considerato un disegnatore prima che lo sceneggiatore, ha descritto la sua al dettaglio: in primo luogo, un paio di settimane di documentazione; quindi, un storyboardgeneral; quindi qualcosa di più dettagliato per le scene con la “coesione”, trascendente, lo sviluppo di un’idea in tre o quattro pagine. E l’ultima cosa che hai messo su sono i dialoghi, e manifesti. La pigrizia ha anche un sacco di dire che in quel processo. Il francese Morvan decidere ogni giorno se avete intenzione di scrivere sotto la doccia: “io Lavoro da ispirazione. Così, se durante la doccia vedo che non voglio, perché quel giorno non scrivo. Ora, quando mi vieni a cercare me, posso passare ore e ore e si dimentica di mangiare.”

Altarriba evidenziato, per il motley del tavolo, che, mentre nel metodo e nelle riflessioni sul comico aveva punti in comune, España è diverso da avere un settore meno professionale: “In Spagna, lo sceneggiatore deve essere un po’ il motore di tutto. Si di solito non presentare a un editore con un’idea, si potrebbe fare in Francia, e che sarà lui a cercare il fumettista. Si mostra, con allegati, alcune pagine tratte e la sceneggiatura completa per vendere il progetto. Penso che questa è la grande differenza che qui tutto è meno professionale. Uno scrittore in Francia o negli Stati uniti sta lavorando contemporaneamente in diverse serie, senza una pausa. Qui, in Spagna, stavo script script. E tra fumetto e il fumetto ho passato mesi senza guionizar nulla del fumetto”.

Il comico che non piace al Governo di Singapore

“L’arte di Charlie Chan Garretto Chy’ Sonny Liew vince tre premi Eisner e diventa la sorpresa della stagione.

Fumetto Sonny Liew

sonny liew

Enrique Larrea ritorno in Spagna di recente, dopo aver vissuto sei anni a Singapore e in Malesia. E ‘ venuto con questa folle idea: l’impostazione di una società editrice di fumetti. Non era andare a farti ricco, che cosa sapevo, ma sarebbe d’aiuto per mantenere quel legame che si era creato con il sud-est asiatico e, di passaggio, per recuperare un’illusione che ho sognato il figlio di sei anni, un lettore di fumetti di supereroi, che era una volta. Ha voluto avviare una casa editrice, tuttavia, di non pubblicare la solita maniche arrivato sul continente, ma per colmare un vuoto che nessun altro coperchio in Spagna, in quell’angolo di mondo dedito alla nona arte. Nasce così il Controllo. La loro prima avventura, a cura insieme a Dibbuks, non potrebbe essere meglio scelta: Senza saperlo L’arte di Charlie Chan Garretto Chye era quello di diventare il grande vincitore del premio Eisner.

Questo fumetto originale firmato da Sonny Liew ha raccontato la storia di Charlie Chan, una striscia di fumettista di Singapore che guardare indietro a contare dal 1954 cercato di realizzare il suo sogno in un contesto quasi impossibile. Ma era molto di più. Attraverso il falso autore, e una struttura che si rompe continuamente, Liew sfrutta il suo conto in comune l’aspetto di raccontare i numerosi conflitti e politici del suo paese, qualcosa che non è sempre facile: “Tutto è nato dall’esigenza di raccontare che c’è molto di più la storia di quella raccontata nei libri di testo o i nostri media”, spiega Liew e-mail per IL PAESE: “Il Governo ha sempre presentato una storia molto specifico di quello che è successo dopo l’indipendenza nel 1965. Hanno molti interessi e il suo partito, il popolo del Partito d’Azione, è stato al potere per sempre. L’enorme maggioranza e il sostegno della gente, hanno contribuito a tenere sotto controllo la narrazione. Alcuni dicono che il mio racconto, che si confronta con l’ufficiale, è revisionista, ma non mi piace perché non distorce la verità. Penso che sia più inclusiva, dà un più complesso vista la diversità e la ricchezza di Singapore”.

Charlie Chan

charlie chan
Come previsto, il suo libro non era piaciuto troppo per il Governo. Nonostante il fatto che in un primo momento ha dato un aiuto pubblico nazionale, quando il libro è stato pubblicato, hanno deciso di rinunciare alla borsa di studio come se non fosse mai esistito, giustificato dal fatto che “minano l’autorità e la legittimità dello Stato. Anche se Liew sottolinea che non si può prendere in considerazione esattamente censura “in un paese in cui le arti finanziamento da parte dello Stato, è stato un chiaro segnale che certi lavori non sarebbero supportate”. L’artista è ancora, tuttavia, che vivono nel paese e collaborare su diversi progetti con il Governo dopo il successo del suo fumetto: “L’associazione nazionale delle arti ha preso una decisione un po’ schizofrenico. Dicono che io mi supporta, ma non la cartella di lavoro particolare. Penso che è una cosa, ma spero di essere ancora in grado di creare quel dialogo di cui abbiamo tanto bisogno”.

“Malinky Robot”

malinky robot
Questo è parte di ciò che ha attirato la Larrea, editor, quando, nel suo periplo asiatici incontrato Liew e di altri autori molto personale. “Tutto sommato, attraverso un punto di vista locale, le storie sono universali, anche se fossero personaggi di nomi strani e erano dall’altra parte del mondo. Passano le cose, come a noi, e i loro sogni sono anche rotto”. Lo hanno aiutato a prendere la sua decisione, in futuro, anche se fino ad allora questo nuovo editor per il mercato spagnolo non era dedicata davvero a qualcosa di vicino per la ricerca di posti di lavoro, tradurli e pubblicarli. Nella tua “identità di giorno” che fa il “lavoro serio”: il software di progettazione. Ma, poi, a guardare avanti, il suo alter ego aveva fatto con il romanzo che nel 2017, tre anni dopo la lettura del suo paese di origine, arrasaría in premi più importanti del fumetto mondiale, vincendo il Eisner per completare meglio l’autore, la migliore edizione americana di materiale estraneo e il miglior design.

“Singapore è sempre preso come un caso di successo, ma c’è una realtà che non esce. Si tratta di un nepotismo illustrato in cui i diritti civili e sociali sono violati su una base quotidiana. E c’è da dove viene questa storia”, dice Larrea. “Ecco perché Sonny era un outsider. Ma è ora di diventare un famoso personaggio della cultura popolare. Sta facendo un fumetto, commissionato da una agenzia di Stato per il Museo. Finito insieme”.

100 Anni di TBO nel Salone del Fumetto di Barcellona

Nel 2017, avrebbe compiuto 100 anni il TBO, la rivista più iconici di fumetti spagnolo.

tbo
Qui si leggono i fumetti. È possibile chiamare i fumetti o graphic novel, se pensi di essere più intellettuale, ma non fatevi ingannare: in Spagna leggere i fumetti. E abbiamo espressioni del tipo “oh, Che è un’invenzione della OBT!”, “È un vecchio fumetto” o “È più visto nel fumetto” perché 100 anni fa è apparso un periodico, il TBO, che non solo ha dato il nome a questa curiosa forma di comunicazione a mezzo di “cartone animato”, ma che abbiamo segnato diverse generazioni di lettori.

Il Salone del Fumetto, di cui ho parlato Sergi, ha pagato un semplice omaggio al TBO in questa edizione. Quiźas hai visto, se tu fossi in grado di non perdersi tra le sue labirintiche colpi di scena e si trasforma, perché quest’anno il Salone è stato caratterizzato dai suoi piedi diffusione, diciamo, in un modo originale. Ci siamo stati in grado di godere di una mostra semplice, troppo semplice. Non dimentichiamo che stiamo parlando del Salone del Fumetto e potrebbe essere stato denominato “Salone del Fumetto”. In mostra ci sono stati in grado di trovare alcune originali e molte riproduzioni di pagine di il TBO che, purtroppo, passò totalmente inosservato tra il labirinto di spazi, Eisners, Fortunato Lukes, Milton Caniffs, aerei e bancarelle di snack e piatti orientali.

Vecchi fumetti TBO

vecchi fumetti
Ma, che cosa sábeis cosa? Il TBO in Spagna è come Altamira per la nostra preistoria: una fondazione, un traguardo che merita un Tributo, con le lettere maiuscole. E qui si potrebbe fare una panoramica di ciò che ha significato la OBT, ma per quello ci sono già alcuni grandi libri che sono appena arrivati sul mercato approfittando di questo anno del centenario, come 100 Anni di TBO, di Antoni Guiral. Io dovrò accontentarmi le spiega che, come le altre pubblicazioni, TBO significava una finestra aperta sul mondo, nonostante la censura, la Guerra Civile, i capricci di intestazioni e modifiche interne… per un paio di generazioni di spagnoli.

L’esposizione ha messo in luce autori come URDA, F. Tur, Stagno, Serra Massana, Sabatés, Opisso, Muntañola, Arturo Moreno, Salvador Mestres, Donaz, Coll, Castanys, A. Batllori Jofré, Ayné e Benejam. Ed è stato così buono per ricordarci che essere un fumettista in questo paese è da sempre sinonimo di fame. Lei ci racconta di come uno di loro si fermò a disegnare per vivere e restituito alla sua precedente professione di muratore, o come altri l’autore del Dr. Franz di Copenhagueprácticamente morto in situazione di indigenza. E come un aneddoto personale, sono in grado di spiegare che un anziano Benejam era eccitato quando qualcuno gli disse che “aveva lo stesso nome di un famoso vignettista del OBT” e riconosciuto modestamente che è stato lui stesso, senza dare il giusto credito che qualcuno si ricordò. Modo in cui trattiamo i nostri artisti. E così i nostri fumetti.

Nuovi fumetti

nuovi fumetti
TBO non era particolarmente innovativa: i proiettili erano scatole, a volte semplice aucas, e alcuni autori osato passo al di fuori dei vostri confini. L’uso del colore o le ombre erano piuttosto tradizionale. Ma la linea è vivo e che scorre come gli autori Muntañola, Coll Benejam o URDA. Altre illustrazioni sono opere d’arte. E tutti, tutti, solo che ritrae un’epoca e di una società. OBT inclusa la sezione “Visioni di Hollywood”, in un’epoca pre-Internet, ha spiegato la storia, gossip e curiosità del film star del momento. E il famoso “Grandi Invenzioni del TBO” o Le “grandi idee pratiche di TBO” (a volte Dr. Franz Di Copenaghen, ma non sempre, ideato da lui). Pubblicato anche altre serie, come “La Famiglia “Ulisse” o “Meliton Perez”. Anche se io ho sempre preferito “Angelina e Cristobalito”, gli esploratori salacot (alcuni con nomi, gli altri senza di esso), hobby (scoprire la figura nascosta era il mio preferito), il concorso di barzellette, o tante altre storie che non erano di serie, ma sono limitati a raccontare storie di umorismo più o meno bianca e innocente.

OBT incluso anche “Una frase eroica” o “testo “santa”, naturalmente. Che è stato uno dei momenti frase di qualche atto eroico, o di qualche santo, e già, a proposito, abbiamo illustrato con quattro vignette della storia del santo, o la resistenza del Numancia. Non dobbiamo dimenticare che dare un’occhiata al TBO è per il cast che per la nostra storia e la nostra società. Le famiglie che dispone di un piccolo pezzo di carne tra i suoi numerosi soci, le coppie di province che stanno andando a teatro e scoprire il puntatore, allevati a sisan, le code per prendere un fotografia nella città, le code per tutto, cacos, soldati nascondere polli, nuovi ricchi, la fame… non c’è niente di meglio di un ritratto della storia, la narrativa, e, per dimenticare la nostra storia, i giovani lettori di romanzi grafici, ci condanna a ripetere. Così ho letto il TBO e pensare al passato, futuro, fumetti e artisti dimenticati finestre aperte, in forma di un quadrato perfetto proiettili, per il mondo.

© 2017 Nippon Fan-Magazin

Theme by Anders NorenUp ↑